Pages Menu
TwitterRssFacebookGoogle+YoutubePlaxoLinkedIn
Categories Menu

Vevelstad: Gatto Norvegese delle Foreste

Gatto Norvegese delle ForesteIl Gatto Norvegese

Il Gatto Norvegese delle Foreste è conosciuto con tanti nomi, ma il suo nome originale “Norsk Skogkatt” viene dal Norvegese e significa: Norsk = Norvegese, Skog = Foresta, Katt = Gatto. Si tratta di una delle razze più antiche e naturali conosciute, risalente all’epoca dei Vichinghi (790-1066). Proprio per queste loro antiche origini come compagni di viaggio dei primi scopritori dell’America del Nord, qualcuno azzarda che il Maine Coon sia una razza derivante dal Gatto Norvegese. Se il Gatto Norvegese delle Foreste è giunto fino a noi scampando alla quasi totale scomparsa, avvenuta nel più recente periodo bellico, lo si deve ad un gruppo di amatori Norvegesi molto determinato, capeggiato da Helene Nordane ed Edel Runas, che iniziarono un serio programma di allevamento partendo da alcuni soggetti selvatici. Pippa e Truls furono la prima coppia registrata nei libri origini, e nel 1974 venne alla luce la prima cucciolata “ufficiale”. Nel 1975 nacque quindi il primo club del Norvegese, che fu definitivamente riconosciuto come razza dalla Fifé nel 1977, in occasione del convegno annuale di quell’anno a Parigi. Lo standard della razza fu “scritto addosso” a Pan’s Truls, un gatto eccezionale per molti aspetti, dell’indimenticato allevamento norvegese Pan’s. In Italia l’arrivo del Norvegese è datato 1988.

DescrizioneGatto Norvegese delle Foreste

Il Gatto Norvegese delle foreste è un gatto di taglia grande, dal corpo lungo e imponente, di ossatura robusta, con petto largo ed fianchi pesanti. La coda è lunga e folta. Le zampe sono robuste e piuttosto alte, quelle posteriori sono più lunghe di quelle anteriori. I piedi del gatto norvegese delle foreste sono larghi, ovali e arrotondati. La testa del gatto norvegese delle foreste ha forma di triangolo equilatero, la fronte è leggermente arrotondata e il profilo dritto, senza stop. Le orecchie del gatto norvegese delle foreste sono grandi, larghe alla base; sulle punte compaiono ciuffetti di pelo. La linea loro esterna prosegue idealmente quella della testa giù fino al mento, che deve essere forte. Il pelo del gatto norvegese delle foreste è semilungo, particolarmente folto intorno al collo (gorgiera) e sulle zampe posteriori . Il sottopelo lanoso è ricoperto da un pelo liscio ed idrorepellente. Sulla schiena e sui fianchi il pelo è molto lucido. Sono ammessi tutti i colori, incluse tutte le varietà con bianco. Sono invece esclusi il point (estremità più scure del corpo), il chocolate, il cinnamon e le loro diluizioni.

Gatto Norvegese delle ForesteCarattere

Il Gatto Norvegese delle Foreste è un gatto che si affeziona molto all’uomo e ama la compagnia. E’ molto dolce e nonostante il suo aspetto e le sue origini che lo vorrebbero come un gatto selvaggio, il nostro gatto norvegese delle foreste è un gattone bonaccione che ama stare insieme ai bambini e anche con altri gatti e cani. È un gatto molto intelligente che può facilmente imparare molte cose. Si affeziona molto al padrone che diventa per lui un punto di riferimento nella famiglia. Ama la vita all’aria aperta, non teme il freddo grazie alla sua folta pelliccia. Si adatta molto bene alla vita in appartamento. Ricordiamoci però di mettere a disposizione del nostro amico a quattro zampe alcuni giochi ed un robusto tiragraffi dove si attaccherà con le sue forti unghie. Possiede una forte personalità e dimostra una forte indipendenza. Ama strusciarsi al padrone lasciandogli il proprio odore. Lo possiamo trovare su mobili, scrivanie e computer. I cuccioli sono instancabili giocherelloni. Anche gli adulti non sono da meno. Le femmine hanno calori più o meno frequenti, soprattutto in primavera, ed i loro miagolii possono essere più o meno rumorosi. La femmina può avere la sua prima gravidanza a partire dal suo decimo mese di età, anche se il consiglio dei vari allevatori è di attendere fino all’anno. Il maschio diventa maturo intorno al decimo-dodicesimo mese di età. La crescita avviene lentamente durante il primo anno, e si completa intorno ai quattro anni.